Le intolleranze alimentari sono reazioni avverse al cibo che non coinvolgono il sistema immunitario. A differenza delle allergie alimentari, che possono essere gravi e persino mortali, le intolleranze alimentari sono generalmente meno gravi e causano sintomi come gonfiore, gas, diarrea e mal di testa.

Come si riconoscono le intolleranze alimentari?

I sintomi delle intolleranze alimentari possono variare da persona a persona e possono essere simili a quelli di altri disturbi, come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Ecco alcuni dei sintomi più comuni:

  • Gonfiore
  • Gas
  • Diarrea
  • Mal di testa
  • Mal di stomaco
  • Nausea
  • Vomito
  • Fatica
  • Eruzioni cutanee
  • Prurito

Come si diagnosticano le intolleranze alimentari?

Non esiste un test unico per diagnosticare le intolleranze alimentari. Il medico potrebbe utilizzare un’anamnesi alimentare, un diario alimentare, test di laboratorio o test di eliminazione per diagnosticare un’intolleranza alimentare.

Come si gestiscono le intolleranze alimentari?

Il modo migliore per gestire un’intolleranza alimentare è evitare il cibo che la causa. In alcuni casi, potrebbe essere possibile mangiare piccole quantità del cibo senza causare sintomi.

Ecco alcuni consigli per gestire le intolleranze alimentari:

  • Leggi attentamente le etichette degli alimenti.
  • Fai domande quando mangi fuori casa.
  • Porta con te un antistaminico o un altro farmaco per alleviare i sintomi.
  • Segui una dieta sana e bilanciata.

Se pensi di avere un’intolleranza alimentare, è importante parlare con il tuo medico. Il medico può aiutarti a diagnosticare l’intolleranza e sviluppare un piano di gestione adatto a te.

CONDIVIDI