La Corte costituzionale, con sentenza n. 99 del 2023, ha dichiarato incostituzionale la norma che prevedeva la possibilità di prorogare i contratti di lavoro a tempo determinato fino a 4 anni.

La Corte ha stabilito che la norma è in contrasto con il principio costituzionale della tutela del lavoro subordinato. Inoltre, ha stabilito che la norma è discriminatoria nei confronti dei lavoratori a tempo determinato, che hanno meno diritti e tutele dei lavoratori a tempo indeterminato.

La sentenza della Corte costituzionale è una vittoria per i lavoratori a tempo determinato e potrebbe portare a un aumento della domanda di lavoro a tempo indeterminato.

Motivazione della sentenza

La Corte costituzionale ha motivato la sua decisione sulla base di due principi fondamentali:

  • Il principio della tutela del lavoro subordinato

Secondo la Corte, la norma impugnata viola il principio costituzionale della tutela del lavoro subordinato, che è un diritto fondamentale della persona umana. La Corte ha stabilito che la possibilità di prorogare i contratti di lavoro a tempo determinato fino a 4 anni rende più difficile per i lavoratori a tempo determinato ottenere un contratto a tempo indeterminato, che è il contratto di lavoro che offre maggiori diritti e tutele.

  • Il principio della non discriminazione

La Corte ha stabilito che la norma impugnata viola anche il principio della non discriminazione, che è un altro diritto fondamentale della persona umana. La Corte ha stabilito che la possibilità di prorogare i contratti di lavoro a tempo determinato fino a 4 anni discrimina i lavoratori a tempo determinato rispetto ai lavoratori a tempo indeterminato, che hanno meno probabilità di essere licenziati e hanno maggiori diritti e tutele in caso di licenziamento.

Conseguenze della sentenza

La sentenza della Corte costituzionale ha importanti conseguenze per il mercato del lavoro italiano.

Innanzitutto, la sentenza rende più difficile per i datori di lavoro utilizzare i contratti di lavoro a tempo determinato per lunghi periodi di tempo. Questo potrebbe portare a un aumento della domanda di lavoro a tempo indeterminato, con benefici per i lavoratori.

In secondo luogo, la sentenza potrebbe portare a una maggiore tutela dei lavoratori a tempo determinato. Ad esempio, i lavoratori a tempo determinato potrebbero avere diritto a un’indennità di disoccupazione più elevata in caso di licenziamento.

Infine, la sentenza potrebbe avere un impatto sulla contrattazione collettiva. I sindacati potrebbero utilizzare la sentenza per richiedere ai datori di lavoro di ridurre l’utilizzo dei contratti di lavoro a tempo determinato e di migliorare la tutela dei lavoratori a tempo determinato.

CONDIVIDI