Un uomo di 39 anni, Paolo Pasqualini, è stato sbranato a morte da tre rottweiler domenica 11 febbraio 2024, mentre faceva jogging nel bosco comunale di Manziana, a nord di Roma.

Secondo le ricostruzioni, l’uomo sarebbe stato assalito dai cani, che si trovavano liberi in una zona non recintata adiacente al sentiero dove stava correndo. I rottweiler lo avrebbero morso ripetutamente, provocandogli ferite mortali. “Non sono mai stati aggressivi, prima d’ora”, ha detto la padrona dei cani, sconvolta per l’accaduto mentre il marito era fuori città. La coppia potrebbe rischiare una accusa di omicidio colposo e malgoverno di animali.

Il corpo di Pasqualini è stato trovato da alcuni passanti che hanno dato l’allarme. I soccorsi, giunti sul posto, non hanno potuto che constatare il decesso. I tre cani sono stati catturati dai carabinieri e dai vigili del fuoco.

La tragedia ha sconvolto la comunità di Manziana. Il sindaco ha proclamato il lutto cittadino. Paolo lavorava in un supermercato di Roma  ma aveva un sogno nel cassetto si era infatti iscritto all’Università dove studiava Scienze Motorie dove voleva concludere gli studi.

Le possibili cause dell’aggressione

Sono ancora in corso le indagini per accertare le cause dell’aggressione. Alcune ipotesi:

  • I cani potrebbero essere stati addestrati all’attacco.
  • I cani potrebbero essere stati spaventati dalla presenza dell’uomo e aver reagito in modo aggressivo.
  • I cani potrebbero aver avuto un istinto predatorio.

La pericolosità dei rottweiler

I rottweiler sono una razza di cani di grossa taglia, originariamente utilizzata per la guardia del bestiame. Sono cani potenti e possenti, che possono essere molto pericolosi se non correttamente addestrati e socializzati.

CONDIVIDI