Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lisbona - Non basta al Benfica una partita di cuore e di sostanza per avere la meglio sul Bayern Monaco, che grazie al successo ottenuto nel match di andata, con il 2-2 conquistato al Da Luz, approda per il quinto anno consecutivo alla semifinale di Champions League. Pep Guardiola sorprende tutti, lasciando in panchina Lewandowski e affidandosi a Muller come "falso nueve" alla Messi. Proprio come il Barca per tutta la prima fase di gioco, la squadra bavarese mantiene costantemente palla e occupa la metà campo avversaria, anche se le occasioni da rete si vedono con il contagocce.

La prima conclusione a rete del match capita al 22' all'ex juventino Vidal (il match winner del match d'andata) ottimamente pescato in area da un tocco di classe di Thiago Alcantara, ma il suo colpo di testa è facile preda del portiere del Benfica Ederson. Al 26' è però la formazione lusitana a passare in vantaggio: grande lancio dell'ex laziale Eliseu per Raul Jimenez, il quale anticipa i due centrali difensivi tedeschi e approfitta di un'uscita avventata di Neuer, mandando la palla in rete di testa. Il Bayern traballa e rischia di capitolare per la seconda volta su di un doppio errore di Xabi Alonso e Kimmich, ma Jimenez questa volta viene bloccato da Neuer. Passata la grande paura gli uomini di Guardiola riescono a rialzare la testa ed a pareggiare con Arturo Vidal, il quale calcia al volo da fuori area un pallone ribattuto da Ederson su cross di Lahm e lo piazza con forza e precisione in porta. Il pareggio fa bene soprattutto agli ospiti che tornano padroni del campo e sfiorano addirittura il vantaggio prima della fine del tempo nuovamente con Vidal.

Ad inizio ripresa però, i bavaresi chiudono la pratica grazie a Thomas Muller, che raccoglie una torre di testa realizzata da Javi Martinez su corner di Xabi Alonso e da facile posizione realizza la rete del 2-1. Il Benfica e' sulle ginocchia e rischia il tracollo, ma la conclusione di Douglas Costa finisce sul palo. Alla mezz'ora Javi Martinez commette un fallo da ultimo uomo su Guedes, ma l'arbitro lo grazie affibbiandogli solo il cartellino giallo. Calcio di punizione dal limite affidato all'appena entrato Talisca, che con un preciso sinistra giro batte l'incolpevole Neuer. Ultimi minuti di relativa sofferenza per il Bayern, con Talisca che sempre su punizione mette nuovamente i brividi all'estremo difensore ospite.(AGI) 

Flag Counter
Video Games