Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 9 dic. – Poco piu’ di sessanta anni fa, il 10 dicembre del 1953, arrivava nelle edicole americane il primo numero di Playboy. La copertina era dedicata all’esordiente Marilyn Monroe, immortalata sul tavolo della cucina dell’appartamento di Chicago in cui viveva il futuro magnate, Hugh Hefner. La rivista, anche in forza di quella Marilyn sorridente e sensuale sparata in copertina e di quel paginone centrale che la ritraeva vestita solo delle sue grazie, spopolo’ nelle edicole e divenne rapidamente il primo periodico mensile di notorieta’ internazionale a contenere fotografie di donne nude.

Guarda la galleria fotografica

Cinquantamila copie esaurite in un paio di settimane. E il passaparola del successo si estese a macchia d’olio, in ogni parte del mondo. Eccolo, quindi, il mensile delle conigliette. Quello che piu’ e meglio della Coca-cola ha impresso una sterzata a mentalita’ e costumi. Marilyn Monroe fu solo la prima di una lunghissima schiera di celebrita’, tra cui Linda Lovelace, Farrah Fawcett, Bo Derek, Cindy Crawford, Sharon Stone, Anna Nicole Smith e Kate Moss, ad aver posato svestite per la sue copertine, qualche anno piu’ tardi, nel ’56, “Playboy” raddoppio’ il tasso erotico dei suoi fogli ufficializzando l’invenzione del “centerfold”, uno spazio collocato a meta’ pubblicazione e destinato a mettere in mostra le avvenenti forme di giovani ragazze piu’ o meno note. Dopo piu’ di sessant’anni sta pero’ per tramontare il mito delle donne nude sulla copertina di Playboy. Per l’ultimo nudo, la rivista punta su un cavallo di razza: Pamela Anderson, 13 volte in copertina, chiudera’ i 60 anni di cover hot con un 14esimo servizio bollente. Ad annunciarlo e’ stato ‘Entertainment Tonight’, secondo cui la ex bagnina di Baywatch, ora 48enne, sara’ ritratta sul numero di gennaio/febbraio 2016 che uscira’ in edicola l’11 dicembre. .

Flag Counter
Video Games