Newsletter

Video News

Oops, something went wrong.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Milano, 1 mag. – “E’ un’opera stupenda”. Cosi’ Agnese Landini, moglie di Matteo Renzi, ha risposto ai cronisti che le chiedevano un giudizio sulla ‘Turandot’, nel corso dell’intervallo, alla Scala. (AGI) .

(AGI) – Roma, 1 mag. – “E’ inaccettabile la violenza di chi oggi pomeriggio ha compiuto devastazioni nel centro di Milano. Esprimo la massima vicinanza mia e della Camera dei deputati alle forze dell’ordine, impegnate in una difficile azione di contrasto, al sindaco Pisapia e a tutti gli abitanti di Milano, che con grande senso civico stanno gia’ cercando di porre rimedio alle distruzioni. Lo dice la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini. “Una violenza cosi’ insensata – aggiunge – danneggia tutta la collettivita’, inclusi coloro che legittimamente hanno un’opinione critica sull’Expo e devono poterla manifestare senza che la loro voce sia messa a tacere dai violenti”. (AGI) .

(AGI) – Milano, 1 mag. – Parterre di vip per la ‘prima’ della stagione speciale per Expo organizzata dal Teatro alla Scala. Sono arrivati al Piermarini Matteo Renzi e la moglie Agnese, alla loro ‘prima’ da quando l’ex sindaco di Firenze e’ a Palazzo Chigi. La coppia – lui in smoking, lei in abito con guanti neri- era accompagnata dalla figlioletta Ester, vestita in abito bianco con gonna in tulle, e dal commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, con la moglie. Accolti da applauso due habitue’ come Giorgio e Clio Napolitano, non potevano mancare le istituzioni locali con il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e la moglie Cinzia Sasso, il governatore lombardo, Roberto Maroni con Emi Macchi. Presenti anche i ministri dei Beni culturali, dell’Economia e dell’Agricoltura, Dario Franceschini, Pier Carlo Padoan e Maurizio Martina, l’ex premier Mario Monti e la moglie Elsa, cosi’ come l’ex ministro dello Sviluppo, Corrado Passera e la consorte Giovanna Salza. Anche il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, e il sovrintendere Alexander Pereira con la giovane moglie Daniela. (AGI) .

(AGI) – Roma, 1 mag. – “Un grande grazie alle forze dell’ordine e a tutto il sistema della sicurezza milanese: dal prefetto al questore e a tutti quelli che hanno cooperato. Hanno evitato il peggio con intelligenza e fermezza”: a rivolgerlo e’ stato il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. “La tattica di ordine pubblico adottata a Milano ha infatti evitato il peggio”, ha spiegato Alfano, “la giornata inaugurale di Expo non e’ stata macchiata dal sangue ne’ dei manifestanti, ne’ delle forze dell’ordine. Abbiamo fermato molti delinquenti preventivamente e altri ancora oggi pomeriggio: adesso massima durezza contro questi farabutti col cappuccio. Nessuno si sogni di liberarli subito. Il lavoro delle forze dell’ordine non e’ finito: stasera difendiamo la Scala”. (AGI) .

(AGI) – Milano, 1 mag. – “Al momento non si registrano feriti significativi causati dai disordini, ma solo alcuni contusi tra le forze dell ordine. Le Forze di Polizia hanno dimostrato grande professionalita’, acume nella gestione e fermezza nella strategia, consentendo che la fase violenta degli scontri venisse contenuta in meno di mezz’ora. In momenti come questi, infatti, bisogna evitare di perdere il controllo della situazione, ma occorre mantenere grande saldezza di posizioni. Condanno fortemente le inaccettabili manifestazioni di violenza accadute oggi”, questo il duro commento del Prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca. (AGI) .

(AGI) – Roma, 1 mag. – “Il volto autentico di Milano e’ quello, positivo nobile e bello, della apertura dell’Expo al mondo e al futuro e non quello dei vandali che hanno impegnato le forze dell’ordine cui va il ringraziamento del governo”. E’ quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi. “Il volto autentico sono i bambini che cantano l’inno e i milanesi che stanno gia’ rimettendo ordine in citta’. Il messaggio di lavoro, di orgoglio e di valori che viene da Expo non puo’ essere e non sara’ insultato dai violenti e da questi vigliacchi incappucciati”, viene sottolineato. (AGI) .

(AGI) – Milano, 1 mag. – Sono una decina, secondo il primo bilancio, i manifestanti accompagnati in Questura per gli scontri a Milano. Di 6 di questi si sta vagliando la “posizione giuridica”. Sono tutti italiani. (AGI) .

(AGI) – Roma, 1 mag. – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso la sua “ferma condanna della violenza teppistica” avvenuta nel corso della manifestazione di protesta a Milano. Violenza “tanto piu’ esecrabile – ha detto il Capo dello Stato – in quanto rivolta contro un evento che ha come obiettivo la nutrizione del pianeta, la lotta alla fame e alla denutrizione e un ordine mondiale fondato su una maggiore equita’ tra Paesi ricchi e Paesi in via di sviluppo”. Mattarella, si legge in una nota del Quirinale, ha espresso “la sua piena solidarieta’ ai cittadini di Milano, vittime di pesanti danneggiamenti, e alle forze dell’ordine che hanno fronteggiato i violenti con responsabilita’ e grande senso del dovere”. Dal Presidente della Repubblica sono arrivati anche “gli auguri di piena e rapida guarigione per gli agenti rimasti feriti” e l’auspicio che “i responsabili delle violenze siano assicurati al piu’ presto alla giustizia”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 1 mag. – “Milano messa a ferro e fuoco da un gruppo di teppisti che per protestare contro l’Expo hanno devastato la citta’, incendiando palazzi, negozi e auto di proprieta’ di persone che magari hanno lavorato una vita per potersi permettere cio’ che questi idioti in un attimo hanno distrutto. Muri imbrattati, cestini divelti, violenza e odio senza limiti: eccoli qui i “bravi ragazzi” che qualche pseudo artista e molti politicanti di sinistra difendono e istigano”. Lo scrive su Facebook Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato ed esponente della Lega Nord, chiedendo: “Perche’ e’ stato loro concesso di sfogare la propria follia invece di essere bloccati prima? Dov’era il ministro dell’Interno? Possibile che nonostante i sequestri di materiale pericoloso negli scorsi giorni, nessuno si sia accorto di quanto stava per accadere?”. Calderoli afferma che “in un paese normale tali delinquenti verrebbero tutti identificati e condannati in modo esemplare, in primis a lavorare per ripulire, ricostruire e ripagare tutto quanto. E conclude: “In un paese normale non ci sarebbe nemmeno bisogno di dirlo, ma siccome siamo in Italia urliamolo tutti quanti: ?#?AlfanoDIMETTITI?”. (AGI) .

Flag Counter

Video Games

Oops, something went wrong.