Newsletter

Video News

Oops, something went wrong.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

{tab=Presentazione}

Roma, 7 maggio 2015  ore 9.00

Le giornate di formazione gratuita propongono l’approfondimento di temi di interesse per quanti operano a “regola d’arte” nel settore elettrotecnico ed elettronico.

E’ di recente pubblicazione la Guida CEI 99-4 che sostituisce la vecchia 11-35 avente per oggetto l’esecuzione di cabine elettriche MT del cliente/utente finale. La nuova edizione tiene conto delle numerose e recenti novità normative aventi per oggetto componenti, apparati ed impianti in MT, tra cui la recentissima edizione della CEI EN 61936-1 e la CEI EN 50522. La Guida è un utile strumento di lavoro per progettisti e costruttori di cabine MT (< 35 kV)  

Nel contesto degli obiettivi nazionali di risparmio energetico, le tecnologie elettriche devono svolgere un ruolo di primo piano. Il processo in atto non può che condurre all’introduzione di nuovi strumenti normativi volti all’attuazione di politiche correttive del consumo e della produzione energetica.

La seconda relazione esamina questi aspetti con riferimento a specifici esempi applicativi nell’ambito dei gruppi di continuità statici ad alta efficienza e dell’applicazione del Regolamento UE n. 548/2014 ai trasformatori elettrici di potenza fino all’alta tensione. Le politiche energetiche impongono una significativa riduzione delle perdite nella rete elettrica. A tal fine un nuovo sistema tariffario, a partire dal 2016, penalizzerà gli utenti con potenza superiore a 16,5 kW e cosφ inferiore a 0,95. Sarà pertanto necessario intervenire sugli impianti esistenti riconsiderando le problematiche connesse al rifasamento degli impianti stessi.

La terza relazione in programma tratta il rifasamento dai seguenti diversi punti di vista: beneficio tariffario, risparmio energetico, aspetti di progettazione ed installazione. Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco tratterà i criteri di progettazione degli impianti elettrici di illuminazione di emergenza alla luce delle regole tecniche emanate dal Ministero dell’Interno e delle norme tecniche CEI ed UNI applicabili, tenendo conto delle procedure di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08.

L’ultima relazione riguarda l’evoluzione normativa dei sistemi di protezione dai “rischi elettrici” del paziente nei locali ad uso medico ed assimilati, dalla norma CEI 64-4 prima ed. del 1973 alla ultima variante V2 della norma CEI 64-8 in fase di pubblicazione. In particolare si valuterà l’impatto sulle strutture sanitarie che si trovano a gestire impianti preesistenti alla V2.

 

Scarica la locandina dell’evento

 

Questo Convegno fa parte del sistema della Formazione Continua dell’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dà diritto all’attribuzione di 6 crediti CFP

 

{tab=Agenda}

 

Ore 8.30 Registrazione dei partecipanti
Ore 9.00 Saluto della Direzione CEI
Saluto Autorità
Ore 9.30 Progettazione, costruzione ed esercizio delle cabine elettriche d’utente con
riferimento alle novità introdotte dalla nuova edizione della Guida Tecnica CEI 99-4
Per. Ind. Vincenzo Matera
Segretario CT 44 del CEI
Ore 10.20 Il ruolo delle tecnologie elettriche nelle prestazioni energetiche D.Lgs. 4 luglio 2014,
n. 102: prestazioni dei sistemi elettrici. Trasformatori di potenza e Sistemi statici di continuità
Prof. Angelo Baggini
Docente Università di Bergamo
Ore 11.10 Intervallo
Ore 11.45 Il contributo dell’elettrotecnologia alla prestazione energetica con particolare riferimento
ai dettami del decreto legislativo 4 luglio 2014 n.102.
Rifasamento: nuovi obiettivi e problematiche tecniche di progettazione ed installazione
Prof. Giuseppe Cafaro
Docente Politecnico di Bari
Ore 12.35 Dibattito
Ore 13.15 Intervallo
Ore 14.30 Criteri di sicurezza antincendi per la progettazione degli impianti di illuminazione di
emergenza
Rappresentante CNVVF
Ore 15.15 Evoluzione dei sistemi di protezione dai rischi elettrici nei locali ad uso medico.
Dalla Norma CEI 64-4 alla variante V2 della Norma CEI 64-8
Ing. Salvatore Siracusa
Vice Presidente CT 64 del CEI
Ore 16.15 Dibattito
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

 

 

 

{tab=Relatori}

Prof. Angelo Baggini
Docente Università di Bergamo

Visualizza CV


Prof. Giuseppe Cafaro
Docente Politecnico di Bari

Visualizza CV


Ing. Salvatore Campobello
Membro CT 64 del CEI

Visualizza CV


Vincenzo Matera
Segretario CT 44 del CEI

Visualizza CV


Ing. Salvatore Siracusa
VicePresidente CT 64 del CEI

Visualizza CV


{tab=Partners}

{loadposition SponsorConvegni2015RM}

 

{tab=Come raggiungerci}

UNIVERSITA’ SAPIENZA
Aula Magna
Piazzale Aldo Moro 5

 

{loadposition LocSapienza-Roma}

Se non visualizzi correttamente la mappa o se non è centrata sul punto di interesse, premi il tasto F5 per ricaricare la pagina.

 

 

 

 

{tab=Registrazione}

Le iscrizioni sono chiuse.

 

{/tabs}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Dalle fiabe al cioccolato: dal 2 aprile ritornano i laboratori: passione a portata di mano, per grandi e piccoli.
 

C’è un posto, nei sogni, popolato da fate ed eroi, buoni che prevalgono sui cattivi, elfi e renne, un’isola felice dove Babbo Natale esiste davvero e fa giocare i vostri figli a casa sua. Ora pensate a quel luogo e immaginate un trionfo di cioccolato, quello buono, genuino, artigianale, pronto per essere scoperto e gustato da golosi di ogni età.

 

Sulla scia di una tradizione ormai consolidata di eventi per famiglie e per bambini, dalla tradizionale Notte di Fiaba e della più recente, gettonatissima Casa di Babbo Natale, Riva del Garda ospita dal 2 al 6 aprile la seconda edizione di Chocomusic, musica per il palato! – La grande festa del cioccolato artigianale, evento organizzato dal Corpo Bandistico Riva del Garda in collaborazione con Garda Trentino, Consorzio Riva in centro e Chocomoments e il patrocinio del Comune di Riva.

 

Teatro dell’evento è la centralissima Piazza Cesare Battisti, dove i maestri cioccolatieri vi aspettano con un ricco programma di appuntamenti per presentare il vero cioccolato artigianale. Una struttura in gazebo sarà la sede de “La Fabbrica di cioccolato” con i suoi macchinari per mostrare tutte le fasi della lavorazione del cioccolato artigianale: dalla fava di cacao tostata alla creazione del cioccolatino.

 

Nello spazio a loro dedicato, i bambini saranno dotati di tutto l’occorrente per cimentarsi nella realizzazione di cioccolatini e lavoretti con il cioccolato. Gli adulti avranno la possibilità di partecipare al corso che permetterà loro di conoscere meglio il cioccolato, un viaggio alla scoperta delle origini del cacao e del cioccolato, con testimonianze dirette dall’America Latina e con la possibilità di creare vere e proprie praline e cioccolatini artigianali.

 

Bambini più cioccolato uguale felicità. Un’equazione semplice e immutabile, che gli organizzatori di Chocomusic non potevano non considerare nel programma dell’evento. Già sperimentati con successo da Chocomoments, tornano anche a Riva del Garda i “Baby Ciok”, festosi laboratori che vedranno i giovanissimi partecipanti muniti di grembiuli, cappellini, guanti, attrezzi per la lavorazione e formine da riempire di cioccolato. Appuntamento con Baby Ciok tutti i giorni, da giovedì 2 aprile al giorno di Pasquetta, dalle 15.30 alle 17.00. Chi non riuscirà ad essere puntuale, non avrà molto di cui preoccuparsi: nessuno chiuderà la porta a chiave.

 

Roma Capitale finalmente raccoglie l’appello dell’AIG. Dipendenti in cassa integrazione dal gennaio 2011.
 

"Finalmente – afferma Anita Baldi, Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù – qualcuno rimette al centro di un progetto politico credibile una soluzione per l’Ostello della Gioventù a Roma, qualcuno interviene per il rilancio del turismo giovanile, studentesco e sociale a Roma.

 

…Noi, a ragione, chiediamo e riteniamo che l’AIG, che ha gestito per decenni la struttura del Foro Italico e ha provato in ogni modo con le Istituzioni romane a cercarne una alternativa, possa e debba essere il soggetto con cui dialogare e lavorare per questa opportunità. Ciò, rimarcando che tuttavia non sarà sufficiente per accogliere le migliaia di giovani che vorrebbero venire a Roma ma che, costantemente, desistono dall’idea. Ed è anche per questo che con la stessa attenzione vanno valutate le ipotesi di Santa Maria della Pietà e del Forlanini, su cui stiamo lavorando da tempo".

 

"Abbiamo più volte spiegato – prosegue il Presidente Baldi – che per l’AIG aver dovuto lasciare l’Ostello del Foro Italico ha significato in questi anni una seria, improvvisa e costante penalizzazione: intanto la perdita diretta, e appunto di colpo, di oltre 100.000 presenze l’anno, quelle assicurate ogni anno dalla struttura: di queste, da precisare, oltre il 75 % fatte di stranieri, turismo giovanile proveniente da ogni parte del mondo…

 

Dunque, giovani stranieri giù. Economie, idem. Perdita di entrate. Perdita di associati. E anche perdita di prestigio, visto che Roma, tra le grandi capitali europee, è dal 2010 l’unica priva di Ostello… Quindi, e non ultima, l’inevitabile cassa integrazione in deroga attivata per i dipendenti dell’Ostello nel gennaio 2011, con notevole nocumento alle casse dello Stato.

 

Roma attende da tempo un rilancio come meta di turismo giovanile. Nonostante il trend generale del turismo sia qui positivo, la Caput Mundi non è, infatti, altrettanto attrattiva quale città meta giovanile, come Londra, Parigi, Amsterdam, Berlino, Barcellona…".

Un modo diverso di fare turismo, un’esperienza a tu per tu con la natura da condividere con tutta la famiglia.

Se le spiagge della Liguria offrono tante occasioni per trascorrere una giornata in famiglia, non da meno è il mare, dove il turismo diventa un’esperienza più autentica e coinvolgente, ludica ma al tempo stesso istruttiva.

 

In alcune delle più suggestive località costiere della regione, il pescaturismo permette di vivere un’esperienza a stretto contatto con il mondo marino, trascorrendo con la famiglia una giornata a bordo di pescherecci dove è possibile pescare insieme a pescatori professionisti e addentrarsi alla scoperta di cale, calette e baie meravigliose.

 

Strettamente connesso al pescaturismo, l’ittiturismo ne integra l’offerta con una serie di servizi a terra come la ristorazione a base di specialità regionali o locali, ma anche attività ricreative e culturali incentrate sulla valorizzazione degli ecosistemi marini e dell’attività della pesca.

 

Il pescaturismo è proposto, dal 10 aprile al 15 novembre, dalla Cooperativa Pelagica che organizza escursioni di mezza giornata in partenza, di buon mattino, dal porto di Sestri Levante, a bordo della “Santa Maria di Nazareth”: al sorgere del sole, rotta in mare aperto per salpare le reti calate il giorno prima e conoscere i segreti della pesca artigianale, un mestiere nobile legato a una delle tradizioni più solide dell’uomo. L’esperienza di pescaturismo offerta dalla Cooperativa Pelagica è anche un’ottima occasione per rilassarsi al sole, mangiare buon pesce e godersi un bagno in una caletta tra gli scogli.

{tab=Presentazione}

Firenze, 16 aprile 2015  ore 9.00

Le giornate di formazione gratuita propongono l’approfondimento di temi di interesse per quanti operano a “regola d’arte” nel settore elettrotecnico ed elettronico.

E’ di recente pubblicazione la Guida CEI 99-4 che sostituisce la vecchia 11-35 avente per oggetto l’esecuzione di cabine elettriche MT del cliente/utente finale. La nuova edizione tiene conto delle numerose e recenti novità normative aventi per oggetto componenti, apparati ed impianti in MT, tra cui la recentissima edizione della CEI EN 61936-1 e la CEI EN 50522. La Guida è un utile strumento di lavoro per progettisti e costruttori di cabine MT (< 35 kV)  

Nel contesto degli obiettivi nazionali di risparmio energetico, le tecnologie elettriche devono svolgere un ruolo di primo piano. Il processo in atto non può che condurre all’introduzione di nuovi strumenti normativi volti all’attuazione di politiche correttive del consumo e della produzione energetica.

La seconda relazione esamina questi aspetti con riferimento a specifici esempi applicativi nell’ambito dei gruppi di continuità statici ad alta efficienza e dell’applicazione del Regolamento UE n. 548/2014 ai trasformatori elettrici di potenza fino all’alta tensione. Le politiche energetiche impongono una significativa riduzione delle perdite nella rete elettrica. A tal fine un nuovo sistema tariffario, a partire dal 2016, penalizzerà gli utenti con potenza superiore a 16,5 kW e cosφ inferiore a 0,95. Sarà pertanto necessario intervenire sugli impianti esistenti riconsiderando le problematiche connesse al rifasamento degli impianti stessi.

La terza relazione in programma tratta il rifasamento dai seguenti diversi punti di vista: beneficio tariffario, risparmio energetico, aspetti di progettazione ed installazione. Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco tratterà i criteri di progettazione degli impianti elettrici di illuminazione di emergenza alla luce delle regole tecniche emanate dal Ministero dell’Interno e delle norme tecniche CEI ed UNI applicabili, tenendo conto delle procedure di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08.

L’ultima relazione riguarda l’evoluzione normativa dei sistemi di protezione dai “rischi elettrici” del paziente nei locali ad uso medico ed assimilati, dalla norma CEI 64-4 prima ed. del 1973 alla ultima variante V2 della norma CEI 64-8 in fase di pubblicazione. In particolare si valuterà l’impatto sulle strutture sanitarie che si trovano a gestire impianti preesistenti alla V2.

 

Scarica la locandina dell’evento

 

Questo Convegno fa parte del sistema della Formazione Continua dell’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati e dà diritto all’attribuzione di 6 crediti CFP

 

{tab=Agenda}

 

Ore 8.30 Registrazione dei partecipanti
Ore 9.00 Saluto della Direzione CEI
Saluto Autorità
Ore 9.30 Progettazione, costruzione ed esercizio delle cabine elettriche d’utente con
riferimento alle novità introdotte dalla nuova edizione della Guida Tecnica CEI 99-4
Per. Ind. Vincenzo Matera
Segretario CT 44 del CEI
Ore 10.20 Il ruolo delle tecnologie elettriche nelle prestazioni energetiche D.Lgs. 4 luglio 2014,
n. 102: prestazioni dei sistemi elettrici. Trasformatori di potenza e Sistemi statici di continuità
Prof. Angelo Baggini
Docente Università di Bergamo
Ore 11.10 Intervallo
Ore 11.45 Il contributo dell’elettrotecnologia alla prestazione energetica con particolare riferimento
ai dettami del decreto legislativo 4 luglio 2014 n.102.
Rifasamento: nuovi obiettivi e problematiche tecniche di progettazione ed installazione
Prof. Giuseppe Cafaro
Docente Politecnico di Bari
Ore 12.35 Dibattito
Ore 13.15 Intervallo
Ore 14.30 Criteri di sicurezza antincendi per la progettazione degli impianti di illuminazione di
emergenza
Rappresentante CNVVF
Ore 15.15 Evoluzione dei sistemi di protezione dai rischi elettrici nei locali ad uso medico.
Dalla Norma CEI 64-4 alla variante V2 della Norma CEI 64-8
Ing. Salvatore Campobello
Membro CT 64 del CEI
Ore 16.15 Dibattito
Ore 17.00 Chiusura dei lavori

 

 

 

{tab=Relatori}

Prof. Angelo Baggini
Docente Università di Bergamo

Visualizza CV


Prof. Giuseppe Cafaro
Docente Politecnico di Bari

Visualizza CV


Ing. Salvatore Campobello
Membro CT 64 del CEI

Visualizza CV


Vincenzo Matera
Segretario CT 44 del CEI

Visualizza CV


Ing. Salvatore Siracusa
VicePresidente CT 64 del CEI

Visualizza CV


{tab=Partners}

{loadposition SponsorConvegni2015FI}

 

{tab=Come raggiungerci}

HOTEL SHERATON
via G. Agnelli 33
Firenze

 

{loadposition loc-SheratonFirenze}

Se non visualizzi correttamente la mappa o se non è centrata sul punto di interesse, premi il tasto F5 per ricaricare la pagina.

 

 

 

 

{tab=Registrazione}

{loadposition Reg20150416FI}

 

{/tabs}

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Distribuiti kit igienici e di prima necessità a quasi 2000 persone già nelle prime ore.

“A Vanuatu 45mila bambini non possono accedere all’istruzione, la maggior parte delle scuole sono andate distrutte”.

 

Questa la denuncia di Save the Children, l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini a rischio e difendere i loro diritti, a pochi giorni dall’arrivo del ciclone Pam, che si è abbattuto con violenza sul piccolo arcipelago a est dell’Australia.

 

“Il ciclone ha di fatto eliminato il sistema scolastico di Vanuatu”, spiega Tom Skirrow, di Save the Children. “Le scuole sono state fortemente danneggiate o totalmente distrutte e molte sono utilizzate come centri di accoglienza per gli sfollati. Probabilmente rimarranno chiuse per parecchio tempo ed è essenziale che ai bambini venga garantito un luogo dove possono continuare il loro percorso di apprendimento, per non correre il rischio che i bambini diventino facile preda di abusi e sfruttamento”

 

Oltre a programmare interventi per garantire la continuità nell’apprendimento dei bambini colpiti dal ciclone, Save the Children sta operando nei soccorsi a Vanuatu con specialisti nella risposta alle catastrofi internazionali, emergenza sanitaria e logistica. Già nei giorni scorsi ha provveduto alla distribuzione di kit igienici e di prima necessità per le famiglie colpite dal ciclone Pam e sono già quasi 2 mila le persone raggiunte dagli aiuti.

 

“Ci vorranno molte settimane per raggiungere tutte le vittime del ciclone”, spiega Tom Skirrow. “Sono moltissimi i bambini e le famiglie che hanno perso le loro case e qualunque mezzo di sussistenza. La principale priorità ora è il cibo e l’acqua, ma metteremo a disposizione il maggior supporto possibile per aiutare queste persone”.

Il mondo si tinge di verde in occasione dei festeggiamenti nella giornata che celebra il Santo Patrono d’Irlanda.

Ogni anno a Roma si aggiungono nuove attrazioni e sono oltre 80 quelle che fanno parte di questo prestigioso elenco.

 

Così, alle spettacolari attrazioni già presenti gli anni scorsi, come le Cascate del Niagara, la Statua del Cristo Redentore a Rio de Janeiro, il Burj Al Arab hotel di Dubai, la London Eye, la Torre Pendente di Pisa tanto per citarne qualcuna (per la lista completa vedi Allegato 1), quest’anno si aggiungono altri nomi importanti, tra cui uno spicca su tutti, il più mitico e celebrato fra i monumenti del mondo: il Colosseo!

 

Simbolo stesso dell’Italia e della città di Roma, il grandioso Anfiteatro Flavio non ha bisogno di presentazioni: prezioso Patrimonio dell’Umanità, opera d’arte dalle magnifiche proporzioni, icona incisa nell’immaginario collettivo mondiale, gli spetterà senz’altro il ruolo di protagonista del Global Greening 2015 quando il verde illuminerà le sue nobili arcate, dalle 19.30 del 16 marzo per circa due ore (a Pisa dalle 20.30).
 

Si terrà sabato 28 marzo 2015, Salle des Etoiles presso lo Sporting Monte-Carlo.

S.A.R. La Principessa di Hannover, Presidentessa della Fondazione Princesse Grace, anche quest’anno si è rivolta all’amico Karl Lagerfeld per ideare la nuova edizione 2015 del Ballo della Rosa. Insieme, hanno concepito un universo Art Déco, celebrando così uno dei più eleganti movimenti artistici e architettonici.

 

Inscindibile dall’universo del lusso, lo stile Art Déco esprime una delicata alchimia tra l’arte e l’artigianato, concentrandosi soprattutto sull’eleganza, la sobrietà, l’esclusività e il comfort che hanno saputo sedurre la raffinata clientela degli anni ’30.

 

Il Ballo della Rosa 2015 si reinventa sotto il prisma di un’estetica Art Déco, trascrivendo i principi distintivi dell’autentica Salle des Arts: una semplificazione delle forme dai motivi stilizzati intrecciati e geometrici. La Salle des Etoiles vive così una metamorfosi prendendo in prestito il fascino della Salle des Arts dello Sporting d’Hiver.

 

Lo stile decorativo immaginato si compone di specchi, intervallati da tonalità di oro opaco e bianco. La simmetria delle linee, le composizioni floreali bianche e la bellezza dei motivi sono i temi prediletti di questa nuova edizione, che le organizzatrici Françoise Dumas & Anne Roustang alimentano di riferimenti, riflettendo il glamour leggendario e fastoso del Principato di Monaco.

 

Gli ospiti saranno guidati in una passeggiata in un tempo sospeso che rievoca i fasti degli anni ’30 vissuti dall’élite monegasca. All’entrata del Ballo della Rosa 2015, l’atmosfera Art Déco si farà sentire grazie a un gioco di archi simmetrici con un trompe l’oeil in marmo nero e beige; e sarà enfatizzata da una mostra di immagini rétro sulle sontuose serate organizzate nella mitica Salle des Arts. Le composizioni floreali saranno costituite da imponenti bouquet di rose bianche.

 

La Salle des Etoiles esalterà così la bellezza della Salle des Arts, grazie a colori che varieranno nel corso della serata creando un’atmosfera di assoluto incanto. Facendo eco a questa aura unica, una texture di materiali pregiati interagirà con le tonalità eleganti in voga a quel tempo. In un arredamento bianco immacolato, un mosaico d’oro opaco formerà così raggi luminosi che daranno vita a un delicato gioco di forme geometriche tipiche del movimento artistico.

L’Ente Bilaterale Nazionale Turismo promuove un ruolo di maggiore sensibilizzazione su questo fenomeno, verso tutti gli operatori e addetti al turismo.

Si vuole richiamare gli organi preposti sulla necessità di svolgere un ruolo più incisivo, nel momento in cui cala l’attenzione verso la tematica dello sfruttamento sessuale dei minori e le norme risultano sempre meno adeguate ad affrontare questo complesso problema.

 

L’Italia è all’avanguardia nella prevenzione e nella repressione di questo terribile fenomeno, essendosi dotata di leggi apprezzate nel mondo ed in Europa, ispirando direttive comunitarie poi adottate da alcuni Stati Membri. Di fatto sono leggi uniche in Europa-che impongono tra l’altro ai Tour Operator di menzionare esplicitamente le norme contro lo sfruttamento dei minori sui propri cataloghi. Ma il mercato turistico è nel frattempo cambiato: sempre più digitale, sempre meno tradizionale. Per questo le prescrizioni di legge trovano una minore applicazione, perdendo quasi di significato.

 

Proprio per questo motivo l’EBNT ha deciso di intraprendere una attività di sensibilizzazione, tramite direct email marketing, sia nei confronti dell’intermediazione tradizionale, che verso le online travel agency, in quanto ormai sempre più turisti si rivolgono alla rete per informarsi e prenotare. I dati Eurobarometro 2013 indicano infatti che il 58% della popolazione europea organizza vacanze tramite internet.

 

I dati emersi nelle varie edizioni dell’Osservatorio, e confermati in negativo dall’ultima (in corso di conclusione), fanno emergere la necessità di rilanciare anche sul web la lotta al turismo sessuale con minori, trovando nuove forme di informazione e di dissuasione. Ma per ottenere questo risultato nel tempo è davvero fondamentale l’intervento del Parlamento sulle normative vigenti, in relazione ai nuovi comportamenti del mercato elettronico.

Nei luoghi del suo ultimo film…a due passi dal Visconti Palace Hotel e dall’Hotel Capo d’Africa.

Da sempre scelta da numerose produzioni cinematografiche per il suo fascino unico e le bellezze artistiche e architettoniche, la Città Eterna ospita in questi giorni anche il set dell’ultimo film su James Bond, la spia più elegante del cinema.

Roma e 007: un mix irresistibile e affascinante che vi invitiamo a scoprire vivendo alcuni dei luoghi dove sono state girate diverse scene del film “Spectre”, in uscita alla fine dell’anno con protagonisti Daniel Craig e Monica Bellucci. Ponte Sisto, Borgo Pio, il Vaticano, diversi tratti del Lungotevere, Corso Vittorio, via Panisperna a Monti e via San Gregorio, con vista su Colosseo e Arco di Costantino: questi i più suggestivi. Ma se James Bond ha vissuto questi angoli di città con inseguimenti al cardiopalma e mirabolanti acrobazie, voi godetevi comodamente la bellezza di Roma soggiornando al Visconti Palace Hotel o all’Hotel Capo d’Africa.

Il Visconti Palace Hotel si trova sulla riva destra del fiume Tevere, in una posizione straordinaria: a due passi dal Vaticano e da Castel Sant’Angelo, a piedi si raggiungono tutti i punti nevralgici della città.
L’Hotel Capo d’Africa è un raffinato boutique hotel nel cuore del quartiere Celio, circondato da perle archeologiche e monumenti simbolo di Roma: dal vicinissimo Colosseo, ai Fori Imperiali, all’antistante Chiesa dei Santi Quattro Coronati, alla Domus Aurea. Ha un magnifico roof garden, con bistrot.
I due alberghi sono l’ideale per chi voglia soggiornare nella Capitale in posizione strategica rispetto alle attrazioni principali della città e dai luoghi delle riprese di “Spectre”.

 

Prezzo per la camera doppia da marzo a maggio:

– Al Visconti Palace a partire da Euro 190,00 in Camera Doppia Superior, American Buffet Breakfast, IVA e servizio inclusi.

– All’Hotel Capo d’Africa a partire da Euro 220,00 in Camera Doppia Superior, American Buffet Breakfast, IVA e servizio inclusi.

Sulle tracce di 007 a Roma: da Prati al Vaticano e a Trastevere, dal Celio a Monti

 

Proseguendo verso Trastevere si arriva a Ponte Sisto, dove è stata girata una scene di grandissimo impatto: sul Lungotevere della Farnesina si tiene l’inseguimento automobilistico più spettacolare del film, con caduta nelle acque del Tevere di una delle vetture. È allora che l’imperturbabile James Bond si lancia da un elicottero atterrando con un paracadute su Ponte Sisto. Come non dargli torto: la vista sulla città da questo punto panoramico è mozzafiato, sia da un lato che dall’altro.

 

Spostandovi dall’altra parte del centro troverete altri luoghi suggestivi del film: fra Celio e Monti il vostro albergo sarà l’Hotel Capo d’Africa, a due passi dal Colosseo. Sarà proprio l’Anfiteatro Flavio infatti il protagonista insieme a 007 di inquadrature e scene in cui l’affascinante spia, in elegante completo scuro, guida la sua Aston Martin grigio metallizzato. Fra Colosseo, Arco di Costantino, Palatino, Circo Massimo, Terme di Caracalla, chissà come avrà fatto James Bond a non distrarsi alla guida…voi potrete invece passeggiare con il naso all’insù godendovi via San Gregorio, uno dei viali più scenografici di Roma, immerso nel verde e fra capolavori archeologici.

 

Dall’altra parte rispetto al Colosseo, inizia il pittoresco Rione Monti, con le sue piazzette, botteghe, palazzi bassi e stradine strette. Una delle più famose è la famosa Via Panisperna, scelta dalla produzione per il set.

Flag Counter

Video Games

Oops, something went wrong.