Il designer di Dell’Est, nuovo brand di borse di Seoul, è Sung Kim, designer coreano che ha vissuto tra Milano e New York e che ha creato una linea di borse di cui Manuela Casella e Chiara Felici, fondatrici di Le Pandorine Bags, si sono innamorate, decidendo di distribuirlo.

Manuela Casella e Chiara Felici con le borse di Dell’Est – G.B. – FashionNetwork.com

Nei suoi lavori effettuati per diversi marchi italiani (è stato pattern designer per Ermenegildo Zegna e Valentino), il giovane coreano era definito ‘quello dell’Est’ dai suoi colleghi di lavoro, che non ricordavano bene il suo nome. Da questa definizione Sung Kim ha deciso di trarre il nome del suo marchio. Dell’Est ha ultimamente collaborato con Kimü Studio, un laboratorio coreano che fa lavorare i ragazzi disabili. Le patch da loro create fanno parte di una delle linee di Dell’Est.

I negozi Anna Ravazzoli a Milano, Mida a Caserta o La Caprese a Ischia vendono già i prodotti del brand, per il quale l’obiettivo è di diffondersi in 50 punti vendita d’alta gamma in Italia in un anno. Il brand è prodotto interamente in Corea del Sud ed è già distribuito in alcuni negozi multibrand e department store statunitensi, giapponesi, canadesi, ma anche da Selfridges o presso le Galeries Lafayette.

Shopper grande e piccola, round bags in due dimensioni, tranchino squadrate, la saddle, classica forma tonda, ciascuna in circa 4 colori, costituiscono la prima offerta di Dell’Est. Le borse in pelle del marchio di Seoul hanno un prezzo medio di sell-in di 90-95 euro con un ricarico del 2.7, perciò vengono vendute al cliente finale attorno ai 300 euro.

Sung Kim a spasso per Milano – Dell’Est

Intanto, Le Pandorine Bags, marchio della milanese Magic S.r.l., continua felicemente il suo percorso compiendo 10 anni in questo 2018. Il fatturato 2017 del marchio milanese si è attestato attorno agli 8,5 milioni di euro, e cresce costantemente di circa il 20% all’anno sin dalla fondazione. L’Italia pesa ancora per l’85% sul dato, secondo mercato è la Grecia, terzo il Giappone. Ora Le Pandorine Bags produce circa 200.000 borse all’anno. L’azienda di Casella e Felici possiede anche il marchio NumeroVentidue, approdato sul mercato nel 2015 con il suo concept di borse componibili, che genera il 15% del fatturato aziendale, mentre Le Pandorine l’85%.

Sono 800 i clienti multimarca in Italia che commercializzano il brand. “Stiamo iniziando una distribuzione all’estero per il 2019, in Europa, Giappone e Medio Oriente, tramite distributori o agenti locali a seconda dei mercati. Ai giapponesi piace proprio avere la borsa con il messaggio in italiano, molto più che in inglese”, dice Manuela Casella.

Una pochette di Le Pandorine Bags

“Abbiamo dei corner nelle Rinascenti ristrutturate più di recente, e sempre i due monomarca a Milano (Corso Buenos Aires e Via Solferino)”, conclude Chiara Felici. Le Pandorine Bags vende la borsa “Classic”, che è ancora la sua best-seller, a 39 euro, e anche nelle versioni più ricche viene venduta al pubblico al massimo a 95 euro.

 

Fonte: fashionnetwork.com

CONDIVIDI