Il fermo immagine tratto da un video distribuito dalla Guardia di Finanza il 26 settembre 2017 mostra un momento dell'operazione 'People out'. Percepivano l'assegno sociale erogato dall'Inps (circa 450 euro al mese per 13 mensilità), ma erano residenti all'estero. E l'emolumento - che rientra tra i principali strumenti cosiddetti 'di protezione' - spetta solo a chi risiede in Italia. Il Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie della Guardia di finanza ha denunciato per questo motivo 370 persone, che hanno indebitamente percepito oltre 10 milioni di euro. L'Inps ha immediatamente sospeso i pagamenti con un risparmio annuo di oltre 2,6 milioni di euro. ANSA/ GUARDIA DI FINANZA +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

I risparmiatori italiani sono i più interessati ai finanziamenti sostenibili. Lo si legge nell’ultima edizione dell’Ubs Investor Watch, da cui emerge che il 93% degli investitori italiani ritiene che non vi sia una contraddizione tra la sostenibilità ed il rendimento di un investimento, a fronte di una media globale dell’82% e il 50% si attende addirittura una prestazione superiore rispetto ai fondi tradizionali. Il 90% degli investitori italiani, poi, si dice interessato agli investimenti sostenibili, contro una media media globale dell’85%, e oltre la metà di essi (54%) prevede di inserire strumenti sostenibili nel proprio portafoglio nei prossimi cinque anni, contro una media globale del 48%. I più interessati a queste forme di investimento hanno meno di 35 anni, ma comunque per il 72% degli investitori italiani, contro il 58% della media globale, investire nella sostenibilità diverrà una pratica comune nell’arco di un decennio.

 

Fonte: ansa.it

CONDIVIDI