Newsletter
Video News
Oops, something went wrong.
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

I titoli di racing sono sempre stati seguiti da buona parte del popolo videoludico, soprattutto dagli appassionati di motori. Nel corso degli anni lo scettro di miglior simulatore automobilistico è stato spesso in mano a Gran Turismo, saga che ha avuto inizio ai tempi della mitica Playstation. Col trascorrere del tempo tuttavia numerosi rivali hanno fatto la loro comparsa, tentando di strappare il “titolo” al simulatore proveniente dall’Oriente. Project CARS (Community Assisted Racing Simulator) sviluppato da Slightly Mad Studios si è prefisso come obiettivo quello di salire al trono di re del racing. Lo sviluppo del titolo è stato veramente molto lungo: vediamo insieme se ha le carte in regola per raggiungere lo scopo prefisso.

La guida del popolo

Project CARS è il primo titolo che nasce dalla World of Mass Development, piattaforma creata per dar vita a titoli videoludici senza publisher, ma a essere finanziata direttamente dai videogiocatori. Il titolo è stato infatti finanziato dagli stessi acquirenti che, potendo prenotare diversi pacchetti del titolo, hanno contribuito al raggiungimento del budget necessario per lo sviluppo del progetto. Gli stessi giocatori/finanziatori hanno potuto provare, durante lo sviluppo, le varie versioni del titolo, aiutando così il team a migliorare eventuali aspetti che potevano risultare non graditi.

Il fulcro del titolo è senza dubbio la modalità Carriera, ormai diventata un must in tutti i titoli sportivi. Una volta creato, in maniera molto rapida, il profilo del nostro pilota, saremo pronti per tuffarci nel mondo delle quattro ruote a 360 gradi. Inizialmente non dovremo far altro che scegliere la categoria di vettura da cui partire, dai Go Kart alle ruote scoperte. La categoria dalla quale partiremo non porterà comunque alla preclusione delle altre: semplicemente dovremo partire da una di esse e, se le nostre prestazioni risulteranno convincenti agli occhi delle altre scuderie, queste ci offriranno senza dubbio un contratto, dandoci l’opportunità di trasferirci di categoria.

Dopo aver quindi scelto la categoria ed il contratto, toccherà andare a personalizzare il nostro assetto dell’autovettura: qui si disporrà di una marea di settaggi, adattabili sia all’autovettura da guidare che allo stile di guida che vorremo adottare. Se fremete dalla voglia di scendere in pista potrete adottare quello predefinito, o comunque decidere di sistemare l’assetto in seguito. Interessante è la possibilità di poter salvare diverse tipologie di assetto, potendole caricare prima di ogni competizione, a seconda dell’auto e della competizione da affrontare. L’HUB della modalità carriera sarà molto semplice, ma al tempo stesso completo: la sua componente principale sarà il calendario, tramite il quale passeremo da una gara all’altra, mentre tramite gli altri componenti potremo visualizzare le comunicazioni dalla scuderia, consultare i social network, osservare il riepilogo dei nostri risultati e le tappe fondamentali del nostro cammino.

Le gare saranno dei veri e propri eventi sul nostro calendario, ovviamente potremo partecipare soltanto a quelle del campionato a cui saremo iscritti, oltre ad altri eventi a cui potremmo essere invitati, a seconda della nostra popolarità e dei risultati ottenuti durante le competizioni. Tramite quest’ultimi ci sarà data anche la possibilità di poter guidare e testare nuove vetture. Le gare saranno suddivise in tre parti: prove libere, tramite le quali potremo prendere confidenza col tracciato, le qualifiche, che determineranno la nostra posizione sulla griglia di partenza, e la gara vera e propria. Seconda della categoria alla quale parteciperemo le gare potranno tuttavia avere una struttura diversa, come nei GoKart 125cc dove le gare si suddividono in due round.

Le altre modalità di gioco disponibili sono la gara veloce e l’online. Con la prima potremo creare il nostro evento personalizzato e partecipare al weekend di gara, dove potremo ovviamente scegliere la vettura e il tracciato, potendo anche optare per delle semplici prove libere. Nelle competizioni online invece ci misureremo con gli altri giocatori, potendo scegliere se partecipare a un evento da loro creato oppure farne uno da noi, attendendo il giusto numero di partecipanti. Sarà inoltre possibile anche consultare il nostro garage, dove saranno custodite le varie vetture di cui disporremo, permettendoci di visualizzare le informazioni relative a esse e modificare le messe a punto per ognuna di esse.

Tramite la modalità Rete Piloti e Community invece potremo tenere sott’occhio gli eventi che man mano verranno organizzati online, in modo da poterci misurare in competizioni speciali con altri giocatori online. Per tenere sott’occhio invece tutte le nostre statistiche, le nostre affinità con i tracciati, con le automobili e i premi ottenuti potremo consultare il nostro profilo, dove verrà custodito ogni dato della nostra carriera e non solo.

Project CARS Recensione

Prestazioni su strada

Le impressioni che Project CARS ci ha dato dal punto di vista del gameplay sono molto positive. A prescindere da quale sia il vostro stile di guida, l’esperienza di gioco sarà assolutamente ottima. Oltre al poter personalizzare la messa a punto nel minimo dettaglio, il titolo offre anche svariati strumenti in gara che si rivelano particolarmente efficaci come ad esempio la classica traccia in pista: questa, oltre a darci la scia ottimale da seguire, ci suggerirà di proseguire in maniera più prudente cambiando colore, nel caso in cui stiamo guidando in maniera un po’ troppo spericolata. Ovviamente si rivelerà utile per i novizi mentre invece, per i puristi della simulazione, potrà essere d’impaccio ma questo, così come tutti gli altri strumenti per la guida assistita, potranno essere disabilitati in modo da avere una simulazione al 100%.

Particolare attenzione va data a come il titolo premi lo stile di guida pulito e sicuro a cui tutti aspirano: il minimo tocco di incertezza e saremo preda di testacoda e fuoristrada, penalizzando la nostra gara. Riuscendo invece a mantenere il controllo della vettura, con sicurezza, e cercando di seguire a dovere la condotta ottimale i risultati non tarderanno ad arrivare. Importante sarà anche il legame che stringeremo sia con le auto che con i tracciati: tramite la modalità campagna infatti ci sarà data la possibilità di provare tipologie molto differenti sia di vetture che di piste. Le auto, a prescindere dall’assetto, dovranno essere guidate secondo determinati canoni, così come i circuiti prediligeranno un determinato stile di guida. Per giungere alla vittoria sarà imperativo riuscire a prendere la mano con entrambi gli elementi e farlo si rivelerà tutt’altro che noioso, grazie anche all’IA. Quest’ultima potrà essere inoltre dosata secondo il nostro grado di abilità, prima di ogni competizione, in modo da far risultare la sfida appassionante ad ogni livello.

Altri pregi vanno fatti al Madness Engine, qui in versione migliorata rispetto a quella usata in Need for Speed Shift: la fisica del gioco è infatti gestita in maniera ottima, a rimarcarlo i danni sulle automobili e gli elementi del tracciato con i quali potremo “interagire”. È stato inserito anche il Seta Tire Model, un simulatore in grado di gestire la fisica degli pneumatici che riesce a far bene il suo lavoro: durante le gare non sarà raro infatti notare piccoli pezzi di gomma persi dai concorrenti. Per quanto riguarda le periferiche di controllo è consigliatissimo, ovviamente, l’uso di uno sterzo adeguato.

Project CARS Recensione

Saggiare l’asfalto

Osservando la grafica del titolo traspare l’impegno con il quale i Slightly Mad Studios si sono prodigati per realizzare una simulazione di guida vicina al fotorealismo. I modelli delle auto sono curati nei minimi particolari, così come i tracciati. Interessante anche la gestione dei giochi di luce sulle scocche e sui vetri delle auto, osservabili persino anche dagli interni della vettura. Il titolo inoltre non soffre neanche di cali di fps o rallentamenti di ogni genere: avendo un hardware adeguato tutto fila liscio come l’olio, senza nessun problema di sorta.

Il comparto audio è stato anch’esso ben realizzato, anche se durante le gare capiterà a volte di sentire il rombo dei motori avversari molto vicino, quando invece non sarà effettivamente così. Dal punto di vista delle OST invece il titolo si rivela essere un po’ povero ma ognuna di quelle scelte riesce a farci calare comunque nell’atmosfera da pilota in carriera e trasmetterci le emozioni che precedono ogni gara.

Project CARS si presenta con prepotenza nel panorama della simulazione automobilistica. Il lavoro svolto degli Slightly Mad Studios, correlato al supporto dei giocatori in fase di sviluppo, sembra avere tutte le carte in regola per essere premiato a dovere. Il titolo dispone di tutte le caratteristiche che un simulatore di guida dovrebbe avere, fra cui ovviamente la personalizzazione estrema dell’assetto, l’attenzione nella realizzazione delle autovetture e la buona tenuta del motore fisico. Se siete appassionati del genere, Project CARS è sicuramente il titolo che fa al caso vostro.

Preparate i vostri agenti e rivendicate il vostro posto tra i leggendari uccisori di draghi, oggi BioWare rilascia due DLC gratuiti per Dragon Age: Inquisition.
I giocatori potranno scaricare il nuovo contenuto gratuitamente su PlayStation 4, Xbox One, PlayStation 3, Xbox 360 e PC.

Eccovi il nuovo trailer dedicato all’espansione a questo link:

Dopo aver rilasciato Jaws of Hakkon, che sarà disponibile questo mese su tutte le piattaforme, i prossimi DLC riguarderanno la personalizzazione e il comparto multiplayer.
Il nuovo contenuto di BioWare per Dragon Age: Inquisition include:

  • Uccisore di Draghi: espansione che aggiunge battaglie mozzafiato con i draghi nell’esperienza multiplayer insieme a una nuova mappa e tre nuovi personaggi giocabili: un Avvar Osservatore del Cielo che incarna il misterioso connubio tra magia elementale e forza fisica; ZITHER, un Virtuoso la cui musica è mortale; e Isabela, la famigerata Regina dei Mari Orientali che abbiamo già incontrato in Dragon Age 2.
  • L’emporio Nero introduce nuovi modi per personalizzare la tua Inquisizione aggiungendo 4 negozi che vendono epiche armi, nuovi materiali, potenti accessori e oggetti. I giocatori potranno anche cambiare le connotazioni del viso del loro personaggio grazie allo Specchio della Trasformazione.

DLC gratuiti per Dragon Age Inquisition

Intel annuncia i nuovi processori Xeon E7-8800 v3 e Xeon E7-4800 v3, proposte basate su architettura Haswell-EX destinate all’utilizzo nei sistemi a 4 oppure 8 core di classe mission critical. Sino a un massimo di 18 cores nelle versioni più potenti



Non potrà più essere scaricato

La “silenziosa” diatriba in corso tra Konami e Hideo Kojima è ben lungi dall’estinguersi e dopo la cancellazione di Silent Hills – così come immaginato da Hideo Kojima e Guillermo del Toro – anche P.T. è stato cancellato dallo store PlayStation. Fin qui nulla di nuovo, tuttavia P.T. è stato ora completamente cancellato nei server Sony, andando ad implicare l’impossibilità di scaricarlo nuovamente anche per coloro che avevano effettuato il download in passato.

pt server sony

Generalmente questo non avviene, anche se un gioco viene rimosso dallo store in cui lo si è scaricato. Un esempio sono Madden Arcade Outrun, non più disponibili su Xbox Live ma che sono comunque scaricabili a piacimento da tutti i possessori che gli hanno acquistati prima della rimozione. Questo non è invece possibile con P.T. e tutti gli utenti che pensavano di poterlo rigiocare in futuro, come gesto affettivo verso un titolo che non vedrà mai la luce, rimarranno delusi, così come lo sono stati i ragazzi di Polygon.

Che tutta questa situazione possa incoraggiare gli speculatori ad alzare le cifre per l’acquisto di PlayStation 4 dove è installato P.T., superando le già raggiunte mille sterline? Staremo a vedere. Dal canto nostro possiamo dire che tutta questa situazione ci dispice, soprattutto nel vedere un titolo così promettente come Silent Hills venir cancellato da un giorno all’altro.

Fonte: Kotaku

Dopo la vittoria della Juventus con i ‘Blancos’ nell’andata della semifinale di Champions, i quotidiani spagnoli sottolineano l’importanza del gol del portoghese che lascia aperto il discorso qualificazione 

(AGI) – Baghdad, 6 mag. – A quasi un anno dalla conquista di Mosul, la seconda citta’ irachena, i jihadisti dello Stato Islamico, mentre non perdono occasione per distruggere monumenti e vestigia storiche, si stanno rivelando inaspettatamente sensibili agli agi ed al lusso. Secondo le immagini diffuse dalla rete britannica Sky News, sono in corso grandi lavori per la riapertura di un albergo di super lusso a Mosul, il Ninawa International Hotel, dotato di 262 stanze con tutti i confort divise su 11 piani. Prima della conquista di Isis, lo scorso giugno, il sito specializzato TripAdvisor lo considerava uno dei migliori alberghi del Paese. Ora sulle aste all’ingresso ci sono le bandiere nere di Isis. (AGI) .

(AGI) – Berlino, 6 mag – Andreas Lubitz, il co-pilota del volo Germanwings da Barcellona a Dusseldorf che il 24 marzo si schianto’ contro le alpi francesi uccidendo 150 persone, aveva provato all’andata la manovra di discesa a bassa quota. La stessa che nel tragico volo di ritorno, dopo aver chiuso il comandante fuori dalla cabina, porto’ a termine fino al tragico evento. E’ quanto rivela il tabloid tedesco Bild citando il rapporto degli inquirenti francesi della Bea (l’autorita’ per la sicurezza al volo di Parigi) che sara’ pubblicato oggi. Nel testo gli inquirenti della Bea riferiscono di “una discesa controllata durata per diversi minuti e priva di alcuna giustificazione dal punto di vista aeronautico”. (AGI)

(AGI) – New York, 6 mag. – I ‘Campi Elisi’ del cimitero di Arles, dove Vincet Vang Gogh visse nell’autunno del 1888, sono stati battuti all’asta a New York da Sotheby’s per 66,3 milioni di dollari, il prezzo maggior spuntato da un’opera dell’artista olandese dal 1998. Le stime prevedevano un costo di aggiudicazione di 40 milioni. Ma una lotta all’ultima offerta al cardiopalma tra un collezionista asiatico ed altri 5 potenziali acquirenti ha fatto decollare il prezzo finale. Il quadro piu’ costoso di Van Gogh resta il “Ritratto del dr Gachet” che nel 1990 venne aggiudicato a 82,5 milioni di dollari, che al cambio odienro sarebbero ben 153 milioni La serata e’ stata proficua per la casa d’aste dove un opera di Claude Monet, una delle tante ‘Nifee’, e’ stta aggiudicata per 54 milioni, molto di piu’ dei 30/45 milioni stimati. Ma la stagione delle aste di New York vedra’ il suo apice l’11 maggio quando la rivale Chistie’s vendera’ all’incanto un’opera di Pablo Picasso “Le donne di Algeri (Versione 0), stimata 140 milioni. (AGI) .

Il successo dei bianconeri contro il Real Madrid permette al nostro paese di scavalcare proprio la Spagna nel rendimento stagionale dell’Uefa: 18.500 contro 18.357. Nel calcolo complessivo siamo ancora quarti però con 70.010 punti mentre la Germania è terza a 79.129. È ancora lunga la strada per riprendere il posto che vale quattro squadre in Champions League

Flag Counter
Video Games
Oops, something went wrong.